Ghio Roberto - Vigneti Piemontemare

Piemonte - Alessandria

  • Via Circonvallazione, 3 Bosio Alessandria
Descrizione

I Vigneti Piemontemare, di proprietà della casa vinicola Ghio, fondata nel 1881, si estendono, tra terrazzamenti, ruscelli e boschi, su una superficie di circa 45 ettari nel comune di Bosio, il più alto della zona del Gavi e dell’Ovada, il lembo di terra più vicino al Mar Ligure di tutto il Piemonte.

Qui si sovrappongono le zone di ben tre docg: Gavi, Ovada e Alta Langa.

Da Bosio verso sud si diramano gli antichi sentieri che conducono al Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo: tradizioni di terra di confine, conservate nel rispetto e con l’amore per il passato.

A nord i vigneti di collina, distribuiti in un territorio relativamente piccolo, offrono una grande diversificazione, come è grande la varietà della conformazione del territorio, determinata da una particolare condizione morfologica e microclimatica. Per questo motivo appezzamenti anche attigui possiedono caratteristiche profondamente diverse, uniche e irripetibili.

A sud invece si trova il complesso di Cascina Menta, situato nel cuore del parco di Capanne di Marcarolo, sito naturalistico di interesse comunitario. Gli edifici del 1600, già proprietà della famiglia patrizia genovese dei Centurioni, sono noti per essere stati teatro di parecchie vicende legate alla Resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale, tanto da essere stati in parte bruciati per rappresaglia dalle forze nazifasciste. Il terreno circostante si estende su un’area di circa 23 Ha, intorno agli 800 metri di altitudine sul livello del mare, di cui 2 piantati a vite. L’impianto risulta dunque avere due primati: è la vigna più alta del sud Piemonte e la più vicina al mare di tutta la regione.

Gallery
Servizi
  • Accesso Disabili
  • Accetta Carte Di Credito
  • Animali Ammessi
  • Parcheggio Auto
  • Vendita Vini
  • Wifi
Posizione
Gavi

Gavi docg del Comune di Bosio - Vino biologico prodotto con lieviti indigeni 

Superficie vitata: 5,40 Ha

Vitigno: Cortese dalla sezione clonale del Consorzio Tutela del Gavi

Coltivazione: metodo biologico: i vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso

Resa: 80 q/Ha circa

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà settembre, con raccolta a mano

Vinificazione: pressatura delle uve soffice e fermentazione termocontrollata in acciaio. Segue stabilizzazione a freddo e affinamento in bottiglia

Grado alcolico: 13% circa, a seconda dell’annata

Colore: oro con sfumature verdoline

Aroma: note di frutta esotica, agrumi e pera Sapore: sapido, minerale, ottima struttura piacevole e persistente nel finale

Abbinamenti: aperitivi, primi piatti, carni bianche, pesce e verdure

Temperatura di servizio: da 8 a 10°C / da 47-50°F

Capacità bottiglia: 0,75 l
 

Le Zucche

Gavi DOCG Riserva Vigna - Fermentazione in botte piccola di legno d’acacia piegata a vapore con batonnâge

Superficie vitata: 0,74 Ha

Vitigno: Cortese dalla selezione clonale del Consorzio Tutela del Gavi

Vigneto: Le Zucche Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti Potatura: Guyot basso

Resa: 60 q/Ha Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà settembre, con raccolta a mano con selezione dei migliori grappoli in vigna

Vinificazione: pigiadiraspatura delle uve e criomacerazione. Il mosto permane “sur lie” in legno piccolo d’acacia piegato a vapore. Durante tale periodo si effettuano batonnâge, poi un breve passaggio in acciaio. La stabilizzazione a freddo e l’affinamento in bottiglia durano almeno un anno Grado alcolico: 13% circa, a seconda dell’annata

Colore: giallo paglierino

Aroma: profumo etereo, con note ossidative di benzeni e pietra focaia, derivanti dall’affinamento

Sapore: asciutto, deciso di buona freschezza con una struttura ben equilibrata

Abbinamenti: primi piatti, formaggi, carni bianche, pesce e verdure

Temperatura di servizio: da 10 a 12°C / 50-54°F

Capacità bottiglia: 0,75 l

Zanè

Monferrato DOC Bianco da uve Caricalasino - Antico vitigno autoctono, un tempo diffuso nelle zone di Gavi, Ovada e Acqui Terme

Superficie vitata: 1,21 Ha Vitigno Caricalasino

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso Resa: 60 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà settembre, con raccolta a mano

Vinificazione: pressatura delle uve soffice e fermentazione termocontrollata in acciaio. Segue stabilizzazione a freddo e affinamento in bottiglia

Grado alcolico: 13% circa, a seconda dell’annata

Colore: giallo paglierino carico, conferito dalla buccia spessa e tendente all’ocra dell’acino

Aroma: varietale, caratteristico

Sapore: asciutto, deciso, di buona freschezza con una struttura ben equilibrata

Abbinamenti: primi piatti, formaggi, carni bianche, pesce grande e verdure

Temperatura di servizio: da 8 a 10°C / 47-50°F

Capacità bottiglia: 0,75 l
 

Vinarancio

Vino bianco da uve macerate - Vino biologico prodotto con lieviti indigeni

Superficie vitata: 0,7 Ha

Vitigno: Cortese dalla selezione clonale del Consorzio Tutela del Gavi

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso Resa: 60 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà settembre, con raccolta a mano

Vinificazione: pigiadiraspatura delle uve, macerazione con le bucce 15 giorni circa a seconda dell’annata. Un anno di affinamento in acciaio e altrettanto in bottiglia

Grado alcolico: da 12% a 13,5% circa, a seconda dell’annata

Colore: oro antico/arancio, che gli deriva dalla macerazione “all’antica” delle bucce in fermentazione

Aroma: agrumi e canditi

Sapore: fresco, tannico, di grande pulizia

Abbinamenti: pesce, crostacei, formaggi, eccezionale con il Parmigiano Reggiano

Temperatura di servizio: da 10 a 12°C / 50-54°F

Capacità bottiglia: 0,75 l

La Vecchia

Dolcetto di Ovada DOC

Superficie vitata: 1,74 Ha

Vitigno: Nibiö, Dolcetto dal peduncolo rosso

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso Resa: 65 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà settembre, con raccolta a mano

Vinificazione: pigiadiraspatura delle uve, macerazione con le bucce 15 giorni circa a seconda dell’annata. Un anno di affinamento in legno piccolo piegato a vapore e altrettanto in bottiglia

Grado alcolico: 13% circa, a seconda dell’annata

Colore: rosso violaceo che deriva dalla perfetta maturazione delle uve

Aroma: fragrante ed intenso con sentori di piccoli frutti di bosco

Sapore: rotondo e caldo

Abbinamenti: aperitivi, primi piatti e pasta ripiena, carni rosse, carni alla brace e formaggi

Temperatura di servizio: da 14 a 16°C / 57-60°F

Capacità bottiglia: 0,75 l

L’Arciprete

Ovada DOCG Riserva Vigna - Il vigneto Arciprete porta il n°001 di matricola dell’Albo dei vigneti storici della Regione Piemonte

Superficie vitata: 1,06 Ha

Vitigno: Nibiö, Dolcetto dal peduncolo rosso

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso Resa: 55 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà settembre, con raccolta a mano con selezione dei migliori grappoli in vigna

Vinificazione: pigiadiraspatura delle uve, macerazione con le bucce 15 giorni circa a seconda dell’annata. Affinamento di 2 anni in legno piccolo piegato a vapore e almeno un anno in bottiglia

Grado alcolico: 13,5% circa, a seconda dell’annata

Colore: rosso rubino brillante tendente al mattone

Aroma: profumo elegante con sentori di ciliegia marasca e note terziarie che derivano dall’invecchiamento

Sapore: equilibrato, tannini setosi coronati da un lungo finale

Abbinamenti: pasta ripiena, carni rosse, carni alla brace, stufati e selvaggina e formaggi stagionati

Temperatura di servizio: da 16 a 18°C / 60-65°F

Capacità bottiglia: 0,75 l 

La Cascina

Monferrato Rosso DOC da uve Nebbiolo

Superficie vitata: 0,725 Ha

Vitigno: Nebbiolo dalla sezione clonale del Consorzio Tutela del Barolo

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso Resa: 60 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: ottobre, raccolta a mano con selezione dei migliori grappoli in vigna

Vinificazione: pigiadiraspatura delle uve, macerazione con le bucce 15 giorni circa a seconda dell’ annata. Affinamento di 2 anni in legno piccolo piegato a vapore e un anno in bottiglia

Grado alcolico: 13,5% circa, a seconda dell’annata

Colore: rosso rubino scarico tendente al mattone

Aroma: profumo elegante con sentori di ciliegia marasca con note terziarie che derivano dall’invecchiamento

Sapore: equilibrato, tannini setosi coronati da un lungo finale

Abbinamenti: pasta ripiena, carni rosse, carni alla brace, stufati e selvaggina e formaggi stagionati

Temperatura di servizio: da 16 a 18°C / 60-65°F

Capacità bottiglia: 0,75 l
 

La Canna e l’Orzo

Metodo Classico Rosè  - Dinamico fresco e giovane, ma sempre espressione della nostra terra

Superficie vitata: 2 Ha circa

Vitigno: Nibiö, Dolcetto dal peduncolo rosso

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot basso Resa: 80 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: fine agosto, con raccolta a mano

Vinificazione: pigiadiraspatura delle uve soffice. Fermentazione a 18°C in acciaio. Presa di spuma in bottiglia a 12°C. Segue affinamento per almeno 24 mesi sui propri lieviti prima del dégorgement

Grado alcolico: 12% circa, a seconda dell’annata

Colore: cipolla

Aroma: note floreali

Sapore: perlage leggero e cremoso

Abbinamenti: aperitivi, fritti di pesce e formaggi

Temperatura di servizio: da 6°C / 43°F

Capacità bottiglia: 0,75 l

Drác Passito

Vino Bianco da uve passe di Cortese - Passito prodotto con lieviti indigeni

Superficie vitata: 0,06 Ha

Vitigno: Cortese dalla sezione clonale del Consorzio Tutela del Gavi

Coltivazione: metodo biologico. I vigneti sono coltivati senza l’utilizzo di concimi chimici, né prodotti sistemici, né diserbanti

Potatura: Guyot Resa: 40 q/Ha

Terroir: terra bianca conosciuta come “Dentin”, marna calcarea, con buona presenza di minerali. Vigneti caratterizzati da elevate pendenze e influenzati localmente dalla vicinanza del Mar Ligure

Zona: Comune di Bosio tra i 300-400 m s.l.m., in linea d’aria a circa 15 km dal mare

Vendemmia: metà/fine settembre, con raccolta a mano e appassimento in cassette di legno

Vinificazione: pressatura delle uve tra il giorno dell’Epifania e il giorno di San Valentino dell’anno seguente alla vendemmia. La fermentazione avviene con lieviti indigeni in barile scolmo in stile ossidativo. Segue maturazione ancora in barile scolmo per almeno 2 anni

Grado alcolico: 16% circa con buon residuo zuccherino

Colore: oro antico

Aroma: note di frutta secca, pasticceria, nocciola, albicocca e liquirizia

Sapore: dolce non stucchevole, di rara persistenza

Abbinamenti: pasticceria e formaggi stagionati

Temperatura di servizio: da 14 a 16°C / da 57-60°F

Capacità bottiglia: 0,375 l

Visite proposte

Nei terreni di queste zone d’Italia, “segrete” e tutte da scoprire, si stagliano gli storici Vigneti Piemontemare, identificati uno per uno con quei termini dialettali divenuti nel tempo i blasonati toponimi con cui l’azienda tuttora qualifica i propri vini: le uve della vigna di Pian Lazzarino, della Vecchia, dell’Arciprete, delle Zucche, della Cascina, di Zané, dei Piasi, di Pilomberto, della Fistonia e della Cascina Menta, compatibilmente con l’andamento della stagione, vengono coltivate ad hoc e vinificate separatamente, secondo una filosofia aziendale che punta alla massi- ma caratterizzazione.

Produrre un vino significa dare voce alla terra e conservare nel tempo la memoria di un’annata con le sue piogge, la neve, il sole, il vento e le lune. Questo inscindibile rapporto tra uomo e natura è la culla di quella tradizione che ha fatto grandi i vini piemontesi. Gesti, usi antichi e rispetto per l’ambiente permettono di proporre vini di carattere, lontani dalle mode, che esprimono con taglio originale il vigneto di partenza.

Con il regime biologico, senza l’uso di diserbanti in vigna, con il minimo uso di solforosa in cantina, con il riutilizzo del legno di vigna per il riscaldamento domestico, con l’uso di bottiglie leggere e un parziale riciclo del vetro, l’azienda si impegna a garantire una grande salubrità del prodotto e a perseguire una sempre maggiore ecosostenibilità.

PIEMONTEMARE BASE

La degustazione, accompagnata dalle proposte dello chef e dalla conoscenza del nostro relatore, prevede l'assaggio di 4 vini tra quelli proposti: Gavi, Le Zucche, Zanè, Vinarancio, L'Arciprete e La Canna e l'Orzo.

Il punto di ritrovo per la visita è all' "Osteria Piemontemare" - Vico Rose,  2/r Gavi (AL) .

639 visite programmate - € 17.00

Prenota ora Regala
PIEMONTEMARE V.I.P.

La degustazione, accompagnata dalle proposte dello chef e dalla conoscenza del nostro relatore, prevede l'assaggio di tutti i nostri vini tra i quali "Le Zucche" - Gavi DOCG Riserva e "L'Arcipietre" - Ovada DOCG Riserva

Il punto di ritrovo per la visita è "Osteria Piemontemare" - Vico Rose,  2/r Gavi (AL) .

 

426 visite programmate - € 28.00

Prenota ora Regala
TOUR ENOFOTOGRAFICO del TRAMONTO - "il Piemonte più vicino al Mare"

L'Azienda Agricola Ghio Roberto - Vigneti Piemontemare con Carlo Ferrara, fotografo d'eccellenza della zona,  propongono ad ogni appassionato di fotografia, dal neofita al professionista, dal più giovane al più esperto, nessuno escluso, il Tour Enofotografico

Un'esperienza unica tra natura incontaminata e viticoltura eroica in una zona tutta da scoprire tra Piemonte e Liguria. Percorrerai le antiche vie marenche, crocevia di commercio e brigantaggio, visiterai le cascine montane risalenti al XVII sec., potrai documentare il vigneto più alto e più vicino al mare del Piemonte.

Ore 15:00: partenza da Piazza Giacomo Matteotti,  Serravalle Scrivia (AL). Durante il percorso, dopo le prime foto, vi attenderà la degustazione dei vini bianchi dell'Azienda Agricola Ghio Roberto - Vigneti Piemontemare  accompagnati da prelibatezze locali alla Baita Rio Gorzente nel cuore del Parco Naturale di Capanne di Marcarolo. Si proseguirà poi verso Cascina Porassa e Cascina Menta, dove si trova il vigneto dei record. Poi visita a Cascina Saliera, dove si potranno acquistare i formaggi locali. A seguire il tramonto alla panchina panoramica Monte Poggio. Infine vi attenderà la cena con degustazione dei restanti vini (rossi e passito), in abbinamento ai piatti tipici di stagione, o alla Baita del Rio Gorzente o all’Osteria Piemontemare di Gavi, dove potrete acquistare le nostre bottiglie al prezzo di cantina. Ore 22:00 ritorno previsto in Piazza Giacomo Matteotti a Serravalle Scrivia (AL)

Si consiglia: Vestiti comodi e scarponcini.

Nessuna visita programmata

Recensioni
Prenota ora
Servizi principali
Contatti
Ghio Roberto - Vigneti Piemontemare
  • Via Circonvallazione, 3 Bosio Alessandria